Articolo di del mar 17, 2015 in Business, Career Coaching, Life Coach |

A me piace definire il cambiamento trasformazione, sviluppo, crescita, capacità di modificare i nostri atteggiamenti limitanti per uscire dalla nostra zona di comfort.

Come affrontare un cambiamento nella nostra vita personale e professionale?

Come realizzare un cambiamento desiderato?

Robert Dilts ci offre uno strumento molto utile per capire come gestire il cambiamento. Il modello dei 5 livelli neurologici propone l’idea che i processi e fenomeni che hanno luogo all’interno di un individuo o di un gruppo, avvengano in una gerarchia naturale di livelli che s’influenzano reciprocamente:

  • Ambiente: dove e quando si verificano le operazioni e le relazioni nell’ambito di un sistema o di un’organizzazione.
  • Comportamenti: che cosa fa la persona o l’organizzazione.
  • Abilità e competenze: come dare origine e guidare i propri comportamenti.
  • Convinzioni e valori: forniscono la motivazione e le linee guida che stanno dietro alle strategie ed alle capacità utilizzate per raggiungere dei risultati in termini di comportamento all’interno dell’ambiente.
  • Identità:  il modo in cui le persone sentono il proprio ruolo e la propria mission rispetto alla vision e ai vasti sistemi di cui fanno parte.
  • Spiritualità/Autorealizzazione: per chi o per cosa si agisce, conferisce un significato e uno scopo.

Per generare cambiamenti positivi è utile esplorare le relazioni che ci sono tra questi livelli e applicare il tipo d’intervento più appropriato per ognuno di essi. Immagina di salire una scala su cui ogni volta che sali sullo scalino successivo stai cambiando qualcosa di ciò che è al di sotto. Un cambiamento che realizziamo ad un livello più alto avrà effetto anche verso il basso, mentre se il cambiamento che attuiamo ad un livello più basso non necessariamente avrà un effetto su un livello più alto.

Identifica l’Ambiente in cui ti piacerebbe essere, entra in contatto con questo ambiente, come  se fossi lì. Cosa vedi? Cosa ascolti? Quali sono le caratteristiche fondamentali di ciò che ti circonda?

Sali sul gradino dei Comportamenti: qual’è il tuo atteggiamento? Che sensazioni prova il tuo corpo? Quali sono gli atteggiamenti efficaci?

Sali sul gradino delle Abilità: quali sono le capacità che dovresti usare e migliorare? Quali sono le abilità e competenze che già possiedi su cui far leva per raggiungere i tuoi obiettivi?

Al livello delle Convinzioni e dei Valori: che cosa ti motiverà e ti guiderà? In che misura è importante per te realizzare questo cambiamento? Quali sono i valori  e le convinzioni che ispirano le tue azioni?

Rifletti sulla tua Identità: chi sei o sarai una volta realizzato il cambiamento? Qual’è il tuo ruolo? Come vorresti vederti e come vorresti che ti vedessero gli altri?

All’ultimo gradino pensa alla Vision e al senso del fine spirituale che ti ispira a realizzare il cambiamento.  Per chi e per cosa stai impegnando te stesso e le tue risorse? Qual’è il senso che hai del sistema più ampio, dell’universo a cui appartieni e del ruolo che hai al suo interno?

Portare avanti un cambiamento è un grande atto della nostra volontà che richiede determinazione e un focus chiaro sulla meta finale. Questo è un esercizio per capire cosa vediamo intorno a noi e cosa vorremo realmente vedere.logo1.001

 

“Il compito più difficile nella vita è quello di cambiare se stessi”, Nelson Mandela